martedì

Vasi Da Esterno Consigli Scelta e Impiego











Esistono varie tipologie di vasi da esterno, in questo post voglio trattare in particolare di quelli che vengono utilizzati per balconi e ringhiere, i classici vasi da geranei per intenderci.

Di seguito risponderò ad alcune delle più classiche domande che possono essere fatte su questo argomento, se al termine della lettura vi sarà rimasto ancora qualche dubbio chiedete pure, io cercherò di rispondervi il prima possibile.

1) Che caratteristiche deve avere un vaso da balcone?
Per prima cosa bisogna dire che lo sviluppo e la vigoria esterna di una pianta è sempre proporzionata alla qualità e alla salute delle sue radici. Se la pianta che vogliamo invasare ha un pane di radici maggiore o uguale a quello del nostro vaso stiamo commettendo già uno sbaglio in partenza. La grandezza del vaso di norma, deve essere almeno il doppio del pane delle radici della pianta che abbiamo intenzione di invasare.

Quindi importante valutare la grandezza del vaso che vogliamo comprare e metterla in relazione alle radici della pianta che vogliamo mettervi a dimora.


2) Il colore e il materiale del vaso possono influire sulla salute della pianta?
Se le radici sono troppo vicine al vaso si. Un vaso di colore scuro specie se in acciaio attira maggiormente il calore creando un danno alle radici della pianta e riducendo l'umidità del terreno contenuto al suo interno, mi è capitato più di una volta di vedere giovani piante striscianti bruciate a causa del calore emanato dal vaso nel quale erano contenute.


3) Ogni quanto bisogna bagnare le piante nei vasi?
Questo fattore è molto legato al tempo, alla posizione del vaso e alla stagione. diciamo che in periodi particolarmente caldi è meglio innaffiare i vasi una volta al giorno, la mattina o la sera.
Al fine di mantenere un certo grado di umidità al loro interno, i vasi vengono corredati di apposite sottovaschette dove và ad accumularsi l'acqua in eccesso, Queste vaschette possono essere incorporate al vaso (un pezzo unico), oppure ad esso staccate (2 pezzi), io consiglio sempre quella incorporata per due motivi molto semplici che adesso vi andrò a elencare
Le zanzare depongono le uova nell'acqua delle vaschette quindi visto che i vasi si trovano sui nostri balconi se adottiamo una vaschetta di quelle staccate dal vaso ci stiamo creando a nostra insaputa un fastidiosissimo vivaio di zanzare.
Molto spesso i sottovasi si rompono e quelli che compriamo per sostituirli sono diversi, cosicchè abbiamo un accoppiamento scompagnato, meglio avere un corpo unico e cambiare il tutto una volta sola.
Ora passiamo a occuparci della parte relativa al reinvaso cambio della terra prima di alloggiare una nuova pianta (o semplicemente la sostituzione della terra dove la pianta rimane sempre la stessa).
Molte persone pensano di poter alloggiare delle piantine nuove in un vaso mantenendo la stessa terra degli anni precedenti, la loro soluzione è quella di fare un buco e metterci la nuova piantina ricoprendo il tutto alla meglio, questa senza dubbio è una soluzione sbagliata.
Per poter vivere una pianta oltre che dell'acqua ha bisogno di numerose sostanze nutritive che si trovano nel terreno in pieno terreno un ricambio di queste sostanze nutritive avviene In un vaso questo ricambio non c'è, dopo un anno o più il terreno all'interno del vaso è organicamente inaridito, la pianta dell'anno precedente ha assorbito tutte le sostanze organiche presenti al suo interno. inoltre in questi casi la terra che si trova sul fondo del vaso è marcita a causa degli accumuli d'acqua dell'anno precedente.
Quindi riassumendo, mettere a dimora una pianta in un vaso contenente del terreno che si trova nelle condizioni appena citate, corrisponderebbe a piantare la stessa pianta in pieno deserto. di conseguenza ci sarebbe poco da lamentarsi coi florovivaisti per la mancata vigoria della piantina stessa durante il periodo estivo.
Che terreno bisogna mettere in un vaso? Un ottima composizione a mio avviso potrebbe essere in percentuale 70 % terriccio 10% 15%sabbia di fiume 20% terra di coltura , una piccola aggiunta di concime organico può essere utile per migliorare la vigoria della pianta.

Nessun commento:

Posta un commento

Posta un commento